Presepe. “Che male c'è”?

Lisi interviene sul dibattito attorno alla decisione di non realizzare il presepe nella scuola elementare Diaz

Ugo Lisi: “Il presepe è simbolo non solo della religione cattolica, ma anche della nostra tradizione. Perchè non dare l'opportunità alle altre culture di venire a conoscenza della nostra”?

Di Ugo Lisi* Pensavamo che il nostro territorio fosse scevro da simili esagerazioni. Perché di questo si tratta. Proibire la realizzazione del presepe nella scuola elementare “Armando Diaz” di Lecce allo scopo di tutelare le minoranze etniche che frequentano l’istituto altro non è che un’inutile esagerazione. Se anche Mamadou Lamine Toure, 41esimo consigliere di Lecce, ritiene che il presepe non offenda nessuno perché impedire che, nel corso delle festività natalizie, si possa dare vita e far conoscere anche a chi professa un’altra religione quello che è un simbolo non solo della religione cattolica, ma anche della nostra tradizione? Una delle mostre più visitate nella città di Lecce fu quella organizzata dall’allora sindaco Poli Bortone intitolata “Pastori e pastorai”, una mostra in cui si raffiguravano nelle varie forme dell’arte i protagonisti del nostro presepe, personaggi umili, ma nella loro umile luminosità del tutto eccezionali. Quella mostra fu visitata non solo dai leccesi ma da tutti i salentini. Ritenere che questo grande senso di appartenenza e di identità nella nostra tradizione venga svilito ci fa pensare che l’integrazione corra il rischio di essere svenduta all’anonimato culturale. *deputato An

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!