Fiorito: “Sono vittima di un complotto”

La replica del primo cittadino

Replica alle accuse e si dice sorpreso di ritrovarsi indagato per reati da lui stesso denunciati all’autorità giudiziaria. Nicola Fiorito, sindaco di Ruffano, interviene sull’inchiesta che lo vede quale principale indagato per tangenti ed altri gravi reati

Parla di complotto Nicola Fiorito, sindaco di Ruffano, travolto nelle ultime ore dal terremoto giudiziario che si è scatenato contro il Municipio da lui diretto. Il primo cittadino è infatti il principale indagato di un’inchiesta che parla di tangenti, di turbativa d’asta, di falso, di violazione delle normali procedure amministrative. Accuse gravi rivolte a lui ma anche ad una serie di assessori, tecnici e consulenti comunali. Fiorito dichiara di aver sempre agito per il bene della collettività e di aver sempre svolto il proprio compito in maniera trasparente. E poi precisa che ciò che gli è stato notificato è l’avviso di conclusione delle indagini e non la sentenza di colpevolezza e che è dunque presto per trarre conclusioni e per avanzare calunnie nei suoi confronti. “Continuo a riporre fiducia e stima nei confronti dei giudici inquirenti – continua – e nell’operato della magistratura consapevole di aver sempre operato con onestà e rettitudine ma mi rimane l’amarezza per una vicenda che ha del kafkiano. Addirittura – conclude – mi ritrovo indagato per reati da me formalmente denunciati all’autorità giudiziaria”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!