Nel Parco di Portoselvaggio la ricerca continua

L'Istituto agronomico del Mediterraneo analizza la Palude del Capitano

L’Istituto Agronomico del Mediterraneo ha chiesto all’autorità di gestione del Parco di continuare la collaborazione per un’attività di ricerca che lo stesso IAM intende effettuare nel perimetro dell’area naturale di Portoselvaggio. Lo scopo è delineare un quadro delle attività agricole che si svolgono nel parco ed il loro impatto sulle risorse naturali

L’Istituto Agronomico del Mediterraneo nel complimentarsi con l’Assessorato all’Urbanistica-Ambiente del Comune di Nardò per la collaborazione offerta nell’ambito dei progetti comunitari AMJOWEL e INTEGRA (in cui il Parco Naturale di Portoselvaggio – Palude del Capitano è stato selezionato quale Parco pilota per la Puglia per definire le linee guida delle aree protette), ha chiesto all’autorità di gestione del Parco di continuare tale collaborazione per un’attività di ricerca che lo stesso IAM intende effettuare nel perimetro dell’Area Naturale di Portoselvaggio – Palude del Capitano. Lo scopo è quello di reperire informazioni utili a fornire un quadro, il più preciso possibile, delle attività agricole che si svolgono nel Parco, nonché il loro effettivo impatto sulle risorse naturali. La proposta trova interessato l’Assessore all’Ambiente Mino Natalizio, che ha sottolineato come questo studio sarà utile ad implementare le produzioni tipiche che, come evidenziato da Legambiente nel dossier “Biodiversità a rischio”, hanno una ricaduta positiva sull’aspetto economico e socio culturale, dal momento che creano un aumento di reddito e di occupazione favorendo la permanenza degli operatori agricoli nelle zone rurali dell’area protetta e incentivando un turismo di qualità. “Questo – ha dichiarato Natalizio – ci ha indotto a costruire, insieme Slow food, la comunità del cibo dei produttori operanti all’interno del Parco la cui attività sta già dando i risultati auspicati”. “Le attestazioni di stima che stiamo ricevendo per le azioni poste in essere per il Parco di Portoselvaggio- Palude del Capitano, che questa Amministrazione dopo 25 anni ha fatto uscire dal “limbo” – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – sono la conferma che il lavoro svolto dall’ufficio Parco sta andando nella giusta direzione e l’arch. Annalisa Malerba, che ne è responsabile, mi ha assicurato che prima dell’avvio della prossima stagione turistica, vi saranno importanti novità per la fruizione del Parco”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!