Sabrina è stata operata. La riabilitazione sarà lunga

E' fuori epricolo la ragazza colpita da un pino assieme al fidanzato

Avrà bisogno di tanto riposo e di una lenta riabilitazione ma non si esclude che possa riacquistare al 100% l'uso delle gambe. Sta bene, dopo l'intervento, Sabrina Bozzi Colonna, colpita da un pino a Lecce lo scorso venerdì

E’ stata operata ieri dall’equipe guidata da Antonio Montinaro, primario del reparto di Neurochirurgia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, Sabrina Bozzi Colonna, la 21enne rimasta vittima di un pericoloso incidente la sera dello scorso venerdì. La giovane stava raggiungendo la sua auto in via Adua a Lecce, assieme al suo ragazzo, Matteo Scardia, quando un pino le è caduto improvvisamente addosso colpendola alle gambe e alla schiena. La studentessa, assieme al fidanzato, è stata trasportata in ospedale; dove ai medici è stato subito chiaro che si trovasse in gravi condizioni (Scardia invece ha riportato ferite più lievi). Così da venerdì è rimasta sotto osservazione al nosocomio leccese e finalmente ieri è stata sottoposta al delicato intervento, che si è protratto per ben sette ore, finalizzato al riassetto della schiena. Al momento sembra che si sia concluso positivamente. Sabrina avrà bisogno adesso di un lungo periodo di riabilitazione e di tanta tranquillità. Non si esclude, anche se la ripresa sarà lenta, che riacquisti totalmente l’uso delle gambe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!