Quando eravamo i vagnoni de la conza

I mesci di oggi ricordano i primi passi in un cantiere

La voglia di imparare e la difficile scalata dei gradi del mestiere. I racconti dei “vagnoni de la conza” di ieri

di Valentina Chittano Contro la teoria dei libri la concretezza delle mani sporche e callose. Cinquant’anni fa si iniziava fin da piccoli a respirare l’aria di un cantiere. Era il tempo in cui i genitori, per levare i figli dal vagabondaggio per le strade, li mandavano ad imparare un mestiere, affiancandoli “alli mesci”. Oggi sono quei bambini di una volta ad esser chiamati “mesci”, un titolo raggiunto non senza sacrifici ed impegno. Nei loro racconti il ricordo si lega alla malinconia del passato, alla soddisfazione di un buon presente, in cui tirano le somme del lavoro effettuato, e a qualche dubbio sui giovani che raccoglieranno la loro eredità. Leggi i racconti dei “mesci” sul Tacco d'Italia di novembre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!