Bibliando. In biblioteca basta un’App

Lecce. Oggi la presentazione delle novità tecnologiche che rivoluzioneranno il circuito delle biblioteche salentine

LECCE – “Bibliando” è pronto a diventare realtà. La Provincia di Lecce chiama a raccolta tutti i sindaci e gli assessori alla Cultura dei Comuni salentini, insieme ai responsabili delle Biblioteche comunali, di quelle ecclesiastiche, private e di istituti culturali, per la presentazione del portale del Polo SBN della Provincia di Lecce e di alcuni importanti strumenti informatici messi a disposizione delle biblioteche ad esso aderenti. L’appuntamento è per oggi dalle ore 9.30 alle 13, nel Teatrino della Biblioteca provinciale “Bernardini” a Lecce (ex Convitto Palmieri, piazzetta Carducci). Saranno presenti il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e la vice presidente ed assessore alla Cultura Simona Manca e il direttore della Biblioteca Alessandro Laporta. In particolare saranno presentati: Bibliando, ossia il catalogo portalizzato del Polo ispirato alle logiche del web 2.0; Bibliando App, l’applicazione per smartphone e Android; Digital Lending, la piattaforma per il prestito degli e-book. Tali strumenti, estremamente avanzati, consentiranno alle biblioteche salentine di affrontare le sfide connesse all’evoluzione tecnologica, innovando il sistema di erogazione dei servizi agli utenti e, al contempo, evidenziando e valorizzando le istituzioni che costituiscono il Polo stesso. Tutto questo consentirà di ottenere una diversa e rinnovata modalità di comunicazione con gli utenti, connotata da accenti più divulgativi e dall’uso di linguaggi idonei ad una comprensione allargata, in grado di offrire nuove modalità di interazione con il pubblico e consentendo, allo stesso tempo, una adeguata evidenza ai territori, alle loro iniziative e peculiarità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!