Il traino non tira più

Le spese in edilizia pubblica della Provincia di Lecce

268 milioni in edilizia pubblica per i prossimi tre anni, di cui 140 milioni per le strade. L’opera più costosa: 14 milioni per la circonvallazione di Casarano

Tra le pubbliche amministrazioni che finanziano opere pubbliche, la Provincia di Lecce è, secondo Confindustria Lecce, la più virtuosa: applica il prezzario e paga ragionevolmente in tempo. Flavio Fasano e Giovanni Pellegrino, rispettivamente assessore ai lavori pubblici e presidente della Provincia, hanno proposto che, per risolvere i problemi evidenziati nel settore degli appalti pubblici, la Provincia potrebbe essere unico ente appaltante, configurarsi cioè come erogatrice di servizi e di supporto nella stesura nei bandi e in tutte le procedure. Questo però comporterebbe un problema nell’identificazione della responsabilità nel caso di contenziosi nel caso i comuni rimanessero responsabili di fronte all’impresa, dell’appalto e dunque dei pagamenti. La Provincia è anche l’ente che spende più soldi in opere di edilizia pubblica sul nostro territorio. Il Piano triennale dei lavori pubblici 2008-2010, l’ultimo programma elaborato nel dicembre dell’anno scorso (in attesa che si definisca quello per il triennio 2009-2011), prevede una spesa complessiva di oltre un quarto di miliardo di euro, e precisamente 268.482.243,60 euro. Soldi pubblici da spendere in tre anni, comprese le risorse già assegnate negli anni precedenti. Molte opere, però, come ad esempio quasi tutta l’edilizia scolastica, sono finanziate con mutui a carico della Provincia, il cui andamento, come stiamo apprendendo in queste settimane, è incerto e verosimilmente al rialzo. Per le opere stradali invece, che costituiscono la voce di intervento più consistente, la Provincia ha ritenuto di non aumentare le spese di investimento a suo carico, decidendo di intercettare i cospicui finanziamenti a valere su alcune misure del Por Puglia 2000/2006, destinate al finanziamento di opere stradali e beni culturali. Leggi il dettaglio delle grandi opere provinciali e l'analisi del settore edilizia nella provincia di Lecce sul Tacco d'Italia di novembre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!