Pronto il piano strategico dell’Area Vasta Lecce 2005/2015

Il documento approvato scaricabile qui

La vision del Piano Strategico si è evoluta attraverso un processo di dialogo e di elaborazione continua da parte del partenariato e si configura come l’esito di un processo pluralistico e partecipato che ha portato all’articolazione di Direzioni Strategiche ed Obiettivi di Piano che leggono, da un lato, il quadro degli strumenti di programmazione economica comunitaria, dall’altro, le proposte e le idee progettuali che provengono dal territorio puntando all’obiettivo finale di coinvolgimento attivo della società civile.

PRESENTAZIONE E SOTTOSCRIZIONE DEL PIANO STRATEGICO AREA VASTA LECCE “UN PONTE VERSO LO SVILUPPO ECONOMICO SOCIALE CULTURALE” E DEL PIANO URBANO DELLA MOBILITA' La proposta dell’Amministrazione comunale di Lecce – in qualità di ente capofila – e dell’Area Vasta del comprensorio leccese, denominata “Piano Strategico dell’Area Vasta Lecce 2005/2015”, ha come vision “Un ponte verso lo sviluppo economico sociale culturale” intesa come l’esito di un processo pluralistico e partecipato, aperto, cioè, alla concertazione fra istituzioni ed enti pubblici e attento all’ascolto dei cittadini. Infatti, il processo di partecipazione attivato con il partenariato economico-sociale ha incentivato negli stakeholders, la volontà di rendersi consapevoli in maniera multilaterale del ruolo che ciascuno ha assunto, e la certezza di investire energie e risorse personali per contribuire al miglioramento della qualità della vita di comunità. Ciò si concretizza attraverso la ricerca di “nuove soluzioni” in un processo di gradualità sociale, in cui le istituzioni, a vario titolo coinvolte attraverso i meccanismi di governance verticale e/o orizzontale, possono investire anche sulle competenze dei cittadini europei, per facilitare e rafforzare i meccanismi di decisione pubblica, in vista di un consolidamento dell’empowerment della comunità di riferimento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!