Soggiorni termali: insieme giovani e anziani

Iniziativa dell’IISS Moccia di Nardò

Una ventina di studenti dell’IISS Moccia di Nardò, sezione servizi sociali, accompagnati da alcuni docenti, hanno svolto una settimana di stage sul campo, affiancando gli anziani durante la permanenza negli stabilimenti di cure termali

Si è concluso nei giorni scorsi il soggiorno termale degli anziani di Nardò, svoltosi ad Abano e Montecatini. Come è ormai consuetudine degli amministratori neritini negli ultimi anni, il sindaco Antonio Vaglio e l’assessore ai servizi sociali, Carlo Falangone, hanno compiuto un rapido tour di due giorni ed hanno raggiunto le rinomate località termali per un saluto agli anziani e per sincerarsi del livello dei servizi offerti ai propri cittadini. Quest’anno un’altra piacevole novità, una simpatica ventata di freschezza giovanile, ha caratterizzato il soggiorno dei neritini recatisi a Montecatini. Una ventina di studenti dell’IISS Moccia di Nardò, sezione servizi sociali, accompagnati da alcuni docenti, hanno svolto una settimana di stage sul campo, affiancando gli anziani durante la permanenza negli stabilimenti di cure termali. Gli studenti e le studentesse del Moccia hanno scelto l’esperienza formativa sul campo e si sono confrontati con la realtà del mondo degli anziani e delle problematiche connesse alle esperienze delle cure termali. Il sindaco Vaglio e l’assessore Falangone concordano “sulla necessità di continuare ad offrire i soggiorni termali ai propri cittadini in quanto rappresentano un’occasione di benessere fisico.” “A questo si aggiunge un altro aspetto importante che è quello costituito dai momenti di aggregazione e di divertimento come è accaduto soprattutto quest’anno con la presenza del gruppo di studenti del Moccia che hanno permesso momenti positivi di confronto generazionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!