La Poli censisce gli artisti salentini

Un bando pubblico per la promozione della creatività salentina

Un cd con dati personali e con degli estratti della propria produzione artistica. Adriana Poli Bortone, vicesindaca ed assessora alla Cultura del Comune di Lecce, chiama tutti gli artisti che vogliano prendere parte al progetto di un Centro di Documentazione sulle Arti Visive

Entro le ore 12 di giovedì 20 novembre tutti gli artisti operanti nel territorio salentino facciano pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune di Lecce un cd contenente i dati anagrafici, l’indirizzo ed un recapito telefonico, nonché il curriculum professionale (mostre personali, mostre collettive, premi, etc.) ed i riferimenti bibliografici e una sequenza di immagini della propria produzione artistica: dipinti, sculture e quant’altro. Comincia il’iter verso la costituzione di un Centro di Documentazione delle Arti Visive finalizzato alla promozione della creatività salentina, fortemente voluto da Adriana Poli Bortone, vicesindaca e assessora alla Cultura del Comune di Lecce. Si tratta di una sorta di censimento degli artisti che porterà alla presa di coscienza dei “numeri” e della qualità dell’arte in Salento. Il cd richiesto dovrà essere accompagnato dall’apposito modulo di partecipazione, debitamente compilato, che può essere ritirato presso l’Ufficio Urp (piazza Sant’Oronzo) o presso l’Ufficio Cultura (da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:30 e martedì e giovedì anche dalle ore 15:30 alle ore 18:00). Il cd e il modulo dovranno pervenire in busta chiusa, sul retro della quale dovranno essere indicati chiaramente il nome e il cognome dell’artista. Sulla busta si dovrà riportare, oltre al mittente, la dicitura “Costituzione di un Centro di Documentazione delle Arti Visive – Ufficio Cultura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!