Tentano una rapina. Presi

In manette quattro giovani di Nardò e Galatina

Tre erano già entrati in una villa, a Gallipoli, mentre i proprietari non si erano accorti di a. Uno aspettava fuori, in macchina, facendo da “palo”. I carabinieri li hanno tratti in arresto con l’accusa di tentata rapina

I carabinieri si erano accorti di strani movimenti all’esterno di una villa in via Scalelle a Gallipoli. Una Fiat Bravo era infatti parcheggiata fuori dal portone con un giovane che attendeva all’interno, al posto di guida, nel chiaro ruolo di “palo” di una rapina. E così è bastato poco tempo ai militari per capire che cosa stava accadendo. Il giovane che si trovava nella vettura ha a quel punto telefonato, tramite cellulare, ai tre “colleghi” che si trovavano dentro la villa per avvisarli dell’arrivo del 112: vi erano entrati scavalcando il cancello e si stavano preparando a far razzia di oggetti preziosi, mentre i proprietari (due coniugi e l’anziana madre di uno dei due), che dormivano, non si erano accorti di a. La banda si è dunque riunita ed ha tentato la fuga. Che non è durata tanto, per sua sfortuna. I quattro infatti sono stati fermati in breve tempo, condotti in caserma ed arrestati per tentata rapina. Tre di essi sono di Nardò (Jonathan Pagliughi, 21 anni; Gianluca Colazzo, 23 anni; Roberto Carroccia, 24 anni), uno, Alessandro Fiorita, 24 anni, di Galatina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!