Lecce: inno alla violenza squadrista

Per Manni il concerto è illegale

Sabato 4 ottobre il gruppo musicale neofascista ZetaZeroAlfa dovrebbe esibirsi a Lecce: la protesta di Piero Manni

Al Sig. Prefetto di Lecce Al Sig. Questore di Lecce e per conoscenza agli Organi di Comunicazione Gentili Signori, siete probabilmente a conoscenza che sabato 4 ottobre il gruppo musicale neofascista ZetaZeroAlfa dovrebbe esibirsi a Lecce, accanto ad altre band dello stesso genere, anche locali. La “chiamata a raccolta” è già iniziata. Quel giorno si sono dati appuntamento, al Foro Boario dalle 17, giovani militanti neofascisti provenienti da tutta la Puglia (e oltre) per poi recarsi nel luogo del concerto che gli organizzatori hanno rigorosamente tenuto nascosto. Vale la pena spendere qualche parola sui “messaggi” che queste band lanciano ai loro raduni. “Primo, mi infilo la cinghia, due, inizia la danza, tre, prendo bene la mira, quattro, cinghiamattanza…” Così inizia l’ultimo successo, di questa band. Un inno alla violenza squadrista. Faccio notare alle SS. LL. che si tratta di una iniziativa illegale, in quanto esalta la violenza ed è finalizzata alla ricostituzione del disciolto Partito fascista, e ciò persegue con modalità di segretezza. Faccio inoltre notare che la manifestazione è estremamente pericolosa per l’ordine pubblico, in quanto tali adunanze sediziose tendono a creare provocazioni, disordini e scontri come è già avvenuto altrove. Chiedo perciò formalmente alle SS. LL. di voler prevenire lo svolgimento di tale manifestazione di diffusione della cultura fascista della violenza e di negazione della nostra Carta costituzionale. Certo della vostra dovuta attenzione, porgo distinti saluti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!