Discoinbus. Divertimento “sicuro”

Per Ugo Lisi un'inziativa importante per tutelare l’incolumità e la sicurezza dei ragazzi

Discoinbus. Un’iniziativa, dall’importante spessore sociale, che si pone come obiettivo quello di aumentare notevolmente la sicurezza dei ragazzi che si recano nei vari locali di divertimento del territorio salentino, contribuendo a ridurre notevolmente il pericolo di incappare in incidenti stradali e evitando, così, anche il rischio di mettersi alla guida in stato di ebbrezza. Per Ugo Lisi, trattasi di un'inziativa importante per tutelare l’incolumità e la sicurezza dei ragazzi: “È da progetti importanti come DiscoinBus, progetto fortemente voluto dalla Provincia di Lecce in collaborazione con il sindacato italiano locali da ballo, che è necessario partire per fare sì che sulle arterie stradali del Salento e di tutto il territorio nazionale diminuiscano grandemente le tragedie che, purtroppo, siamo costretti a leggere sempre più spesso sugli organi di informazione”. “Non finirò mai di ripetere che la sicurezza stradale non può essere relegata a tema di secondo piano -continua Lisi- perché gli incidenti che accadono sulle strade, in particolar modo in estate e che, purtroppo, vedono registrare un numero elevato di vittime tra i giovani, rappresentano un'emergenza autentica sulla quale tutti noi non possiamo chiudere gli occhi”. Ai promotori di DiscoinBus: Antonio Gabellone, Bruno Ciccarese, Filomena D’Antini e Maurizio Pasca un plauso per aver messo concretamente in atto una proposta seria e adeguata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment