Pari opportunità in aula. Due incontri a Lecce

Il principio di uguaglianza nel 60esimo della Costituzione

La Costituzione italiana compie 60 anni. I principi di parità ed uguaglianza sono all'ordine del giorno. Su questo tema verteranno i due incontri che avranno luogo oggi a Lecce, organizzati dall’Ordine degli avvocati, dalla Commissione Pari Opportunità del Cnf, e dalla consigliera di Parità di Provincia di Lecce e Regione Puglia

Si terrà alle ore 10.30 di oggi presso Palazzo Michele De Pietro, un incontro riservato alle avvocate referenti Pari Opportunità delle associazioni e degli Enti ed alle referenti regionali, organizzato dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Lecce, con la Commissione Pari Opportunità del Consiglio nazionale Forense e la collaborazione di Serenella Molendini, consigliera di Parità della Provincia di Lecce e della Regione Puglia. Alle ore 16, invece, presso l’Hotel Tiziano avrà luogo un incontro di studi, accreditato dallo stesso Consiglio nazionale Forense, sul tema “La parità e il principio di uguaglianza nel 60° anniversario della Costituzione. Profili deontologici, costituzionali e direttive comunitarie”. Il programma del pomeriggio prevede la partecipazione, in qualità di relatori, di Luigi Rella, presidente dell’Ordine degli avvocati di Lecce, Luigi Melica, docente di Diritto costituzionale, Antonio De Giorgi, componente del Cnf (Consiglio nazionale forense), Carla Guidi, coordinatrice della Commissione Pari opportunità del Cnf, e Serenella Molendini, consigliera di Parità della Provincia di Lecce e della Regione Puglia Il coordinamento dei lavori sarà affidato a Roberta Altavilla, componente del Cpo del CNF e tesoriera dell’Ordine degli avvocati di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!