Festa dell'uva. In memoria dei bei tempi

Il progetto dell'amministrazione comunale di Lecce

Torna a Lecce l'antica festa dell'uva. Si chiamerà “Enotria” e ricorderà le manifestazioni leccesi degli anni dai Trenta ai Cinquanta. L'aministrazione comunale chiede ai privati foto, filmati, strumenti d'epoca per arricchire la mostra legata al festival

“Enotria, Musa del Mediterraneo”. E’ questo il nome del progetto di cultura e spettacolo che l’amministrazione di Lecce intende realizzare sul territorio cittadino. Adriana Poli Bortone, vicesindaca ed assessora alla Cultura, ha spiegato che si tratta di un festival che ripropone in chiave moderna la tradizionale “Festa dell’Uva”, una manifestazione nazionale in onore del vino che si teneva a Lecce sin dal 1930 su invito del Ministero dell’Agricoltura e prevedeva iniziative ed eventi per incentivare il consumo dell’uva. La manifestazione, che comprendeva mostre, fiere e spettacoli, si tenne con successo a Lecce dagli anni Trenta fino agli anni Cinquanta e riscosse larghi consensi. “Enotria” è la personificazione della terra del vino. Infatti, il termine “enotrio” deriva dal greco “oinos” (vino) e serviva ad indicare un territorio ricco di vigneti. Il programma del festival prevede, tra le altre cose, l’allestimento di una mostra con materiale, documenti e fonti conservati nell’Archivio storico di Lecce che sarà arricchito con materiale proveniente da collezioni private. Il Comune rivolge pertanto un invito a chiunque conservi in casa materiale disponibile (foto, filmati d’epoca, strumenti, oggetti ed elementi d’arredo, ecc.) attinenti alla “Festa dell’Uva” a voler metterlo a disposizione della comunità a testimonianza una parte di storia della città. Per informazioni ed adesioni è possibile contattare l’ufficio Cultura ai numeri: 0832 242368/682108/682107/682102.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!