Casarano. Il randagismo non va in ferie

L'interrogazione della consigliera Schirinzi

Per far fronte al problema del randagismo a Casarano, Leda Schirinzi, consigliera di Casarano amica e responsabile del locale ufficio Igiene dell’Asl, chiede di formalizzare il rapporto di collaborazione tra l’amministrazione comunale e l’associazione animalista Adev onlus

Si ritorna a parlare di randagismo a Casarano. Uno dei problemi maggiormente avvertiti in città, di sicuro tra i più visibili, è stato al centro di un’interrogazione al sindaco proposta dalla consigliera Leda Schirinzi. “Durante l’estate ci siamo trovati dinanzi ad una emergenza incredibile anche a causa dell’assenza del servizio veterinario nella Asl” ha affermato la dottoressa tra l’altro responsabile del locale ufficio igiene dell’Azienda Sanitaria Locale. “Interi quartieri sono risultati invasi dalle zecche e non sapevamo come poter affrontare l’emergenza. In alcuni casi – ha affermato la Schirinzi nella sua interrogazione – ci siamo trovati in difficoltà nel consegnare i passaporti per cani a quei turisti che ci chiedevano addirittura di poter adottare alcuni randagi”. Per far fronte a questa difficile situazione al consigliera chiede di formalizzare il rapporto di collaborazione tra l’amministrazione comunale e l’associazione animalista Adev onlus sorta nel 1996 con sede a Taurisano e dal 2005 attiva anche a Casarano. “C’è una richiesta dello scorso giugno nella quale i volontari chiedono un rimborso spese per tutte le difficoltà affrontate ma io credo – conclude la dottoressa – che dovremo fornire loro anche un piccolo locale perché si tratta di una associazione della quale dobbiamo andare orgogliosi per via del grande impegno profuso”. D’accordo con lei anche Remigio Venuti, sindaco della città, per il quale “vi è l’esigenza di concludere rapidamente un rapporto di collaborazione con l’Adev perché riconosco il ruolo di grandissimo rilievo svolto nella nostra città”. Circa l’emergenza di questi mesi il sindaco, tra l’altro veterinario, conferma che in tutta l’ex Asl sud “da Otranto a Leuca, da Gallipoli a Casarano, abbia operato un solo agente tecnico con funzione di accalappiacani”. I volontari dell’Adev provvedono a sterilizzare e sfamare, a proprie spese, molti randagi del paese ma non solo. Dal settembre del 2005, infatti, gestiscono in nome e per conto del Comune di Casarano la campagna di sterilizzazione promossa dallo stesso ente arrivando a sterilizzare la stragrande maggioranza delle randagie della città che vengono ora contrassegnate da un collarino con una medaglietta recante la dicitura “Randagia Sterilizzata dal Comune di Casarano”. Lo scorso anno hanno collaborato alla campagna di sterilizzazione promossa dalla Asl Lecce 2 grazie alla collaborazione con l’ufficio veterinario di Scorrano. In attesa del riconoscimento ufficiale del suo ruolo l’associazione si sostiene grazie all’autofinanziamento e alle offerte raccolte durante i numerosi banchetti che è costretta ad allestire in fiere e piazze.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!