Cocaina in casa. In manette due giovani

Oggi l’interrogatorio nell’udienza di convalida degli arresti

Gli strani movimenti nei pressi della villa comunale di Copertino avevano insospettito i carabinieri, che dopo una serie di appostamenti hanno proceduto alla perquisizione domiciliare

Mannite e cocaina. Con la contestazione del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti sono finiti nel carcere di Borgo San Nicola due giovani di Copertino. Il primo, Gianluca Calabrese, 21 anni, era già noto alle forze dell’ordine, il secondo, Marco Fusaro, 23enne, era invece incensurato. I due sono stati colti in flagrante al termine di una serie di appostamenti disposti, nelle ultime settimane, dai carabinieri della Tenenza di Copertino. Gli agenti avevano notato movimenti sospetti di giovani nei pressi della villa comunale della città; dopo vari appostamenti hanno proceduto alla perquisizione domiciliare. Ciò che hanno rinvenuto (e sequestrato) non ha lasciato spazio ai dubbi: 18 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, due confezione da 500 grammi l’una di mannite, adoperata come sostanza da taglio. Già per questa mattina è fissato l’interrogatorio dei due giovani nell’udienza di convalida degli arresti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!