'Una Giornata al Museo… Ferroviario!'

Lecce. L'”Aisaf” effettua domani un'apertura straordinaria della struttura che diventerà polo di attrazione didattico e turistico

Ricorre domani la IV Giornata Nazionale delle “Ferrovie Dimenticate” indetta da Co.Mo.Do. (http://www.ferroviedimenticate.it/eventi_2011.htm). Per l'occasione, a Lecce, l'”Aisaf Onlus” (Associazione Ionico Salentina Amici Ferrovie) effettuerà una apertura straordinaria del “Museo Ferroviario della Puglia”, (via G. Codacci Pisanelli 3, alle spalle della Stazione, prospiciente le “Cave di Marco Vito”). La manifestazione, intitolata “Una Giornata al Museo… Ferroviario!”, prevede l'apertura al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, e i visitatori accederanno in gruppi sotto la guida di soci dell'”Aisaf”. Sarà possibile fotografare liberamente, acquistare pubblicazioni, offrire contributi e iscriversi all'associazione. L'”Aisaf” è nata nel 1997 con lo scopo di diffondere e valorizzare il trasporto collettivo su rotaia attraverso la conoscenza della sua storia. Obiettivo principale è stato la realizzazione del “Museo Ferroviario della Puglia”, che si appresta a diventare un utile polo di attrazione per visite didattiche e turistiche. Oggi il museo, ospitato nelle vecchie officine della Squadra Rialzo Fs di Lecce, di proprietà del Comune di e affidate in gestione all'”Aisaf”, contiene circa 30 rotabili storici (costruiti a partire dal 1900), sia delle Ferrovie dello Stato, sia delle Ferrovie del Sud Est (tra cui antichi carri già delle Ferrovie private preesistenti alle Fse, carrozze ed automotrici degli anni quaranta, riportate all'aspetto originale a formare il Treno Storico delle Sud Est “Salento Express”, che sarà presto reso funzionante per l'organizzazione di treni turistici e didattici sulle linee del Salento). Nel corso degli anni i volontari dell'associazione hanno anche raccolto cimeli storici del mondo ferroviario (attrezzi, strumenti, carrelli d'ispezione, lanterne, divise, segnali) e di tutto curano il restauro estetico, la conservazione e l'esposizione al pubblico. Per info http://aisafonlus.xoom.it/index.html e [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!