Quarto appuntamento con Foglia di Tabacco

Oggi la premiazione alla memoria di don Felice Pisanò

Sarà una serata particolare, quella di oggi, per il premio Foglia di Tabacco. Nella cornice di piazza Libertà a Castiglione d'Otranto, il riconoscimento andrà alla memoria di don Felice Pisanò

Continua ad essere un unicum nel panorama culturale provinciale, avendo il pregio di non ridurre il tutto alla semplice consegna di una targa. Si terrà stasera il quarto appuntamento con il premio nazionale “Foglia di tabacco”. Dopo le prime tre serate, che hanno confermato il successo delle scorse edizioni, stasera, a Castiglione d'Otranto (piazza Libertà) un premio speciale andrà alla memoria di don Felice Pisanò, personalità assai cara alla città che ospiterà l'evento. Doveroso risulta il premio alla memoria del parroco di Castiglione d’Otranto. In quest’anno di celebrazioni del bicentenario dell’istituzione del Comune andranese, la figura di don Felice Pisanò incarna la storia di quasi un cinquantennio, quello più folto di cambiamenti, tra il dramma della Seconda Guerra Mondiale e la rinascita dell’Italia. Nato nel 1901 e spentosi all’età di 82 anni, don Felice è stato sacerdote umile e irreprensibile e guida spirituale di tre generazioni. Di lui emerge soprattutto l’impegno instancabile di maestro e di educatore, sull’esempio della dottrina di San Giovanni Bosco, e a lui molto devono gli attuali cinquantenni e sessantenni di Castiglione, per i quali ha funto da istituzione scolastica, doposcuola, comunità ricreativa e familiare. La presenza costante nel ricordo dei castiglionesi racconta di quanto don Felice sia riuscito ad insegnare l’amore per lo studio e le arti, il rispetto per la natura e il senso dello stare insieme. Dopo la consegna del premio speciale “Comune di Andrano”, la compagnia teatrale “La Busacca” porterà in scena l’opera “Il tempo sta per scadere” di Emilia Bernardini Grimaldi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!