Fuori strada con la Panda rubata

Incidente su via Panoramica a Lecce

L'auto che guidava quando è uscito fuori strada era stata rubata. Non solo. Ai controlli dei medici, Pietro Francesco Alaia è risultato positivo all'uso di alcol e droghe

In un primo momento, quello che si è verificato alle prime luci dell’alba di martedì sulla via Panoramica di Santa Maria di Leuca era sembrato un normale incidente, come tanti si verificano, soprattutto in periodo estivo, lungo le vie del mare. Ma è bastato poco per constatare che così non fosse. L’uomo alla guida della Fiat Panda che è finita nella carreggiata opposta a quella che percorreva si chiama Pietro Francesco Alaia ed ha 24 anni. Quando alcuni passanti si sono avvicinati per soccorrerlo, il giovane ha chiesto loro di non avvisare il 118, confidando che quell’auto non fosse sua, ma che fosse invece stata rubata. Gli accorsi non hanno potuto esaudire la sua richiesta; in breve tempo sono giunti sul posto un’ambulanza ed una pattuglia dei carabinieri. La vettura è risultata effettivamente rubata ad un 50enne di Gagliano del Capo, al quale è stata restituita, semidistrutta. Il 24enne è stato condotto d’urgenza in ospedale per le dovute medicazioni e sottoposto ai test tossicologici. Risultato positivo all’alcol e a sostanze cannabinoidi, dovrà rispondere di furto aggravato e guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti. Gli sono stati concessi i domiciliari e ritirata la patente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!