Teatro in Parabita

Terza serata di Arte in Parabita

Sarà un mercoledì tutto dedicato al teatro, quello di oggi, a Parabita. Per la terza serata del festival “Arte in Parabita”, infatti la regia di Michele Placido ha pensato a tanti appuntamenti con la scena. Attesissima l'esibizione di Ulderico Pesce

Mercoledì di teatro e narrazioni per la terza serata di “Arte In Parabita”, il Festival delle arti e delle scienze che si tiene nella cittadina salentina, la cui direzione artistica è firmata da Michele Placido. Dopo i fasti del galà inaugurale, procedono gli appuntamenti che, fino a sabato prossimo vedranno il centro storico di Parabita, crocevia di appuntamenti, spettacoli e incontri di approfondimento, per un cartellone assai ricco e variegato. La serata di oggi sarà totalmente dedicata al teatro, con l’esibizione di numerose compagnie, tra cui l’attesa performance di Ulderico Pesce con lo spettacolo “Storie di Scorie”, uno straordinario excursus sul pericolo che il nucleare comporta. Procede, contemporaneamente, il programma culturale curato da Gino Santoro dell’Università del Salento che, per la serata, vedrà la messa in scena dello spettacolo “Kepuce” ad opera dell’associazione culturale Oistros e de “La mano che non mordi”, della compagnia La Quarta Parete. Inoltre, ampio spazio sarà dedicato ai bambini delle scuole primarie e secondarie che, in occasione del festival, avranno modo di sperimentare le tecniche dello scavo archeologico con delle simulazioni messe in atto dall’associazione culturale universitaria “Uniroca” Lecce presso il giardino della Casa canonica della chiesa di S. Giovanni Battista a partire dalle h. 17.00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!