Gasolio agricolo per i tir. Scatta il sequestro

La sostanza rinvenuta nel serbatoio, pari a 110 litri, presentava una colorazione verdastra tipica del gasolio agevolato

Sequestrati oltre 3.100 litri di prodotto petrolifero agevolato per l’agricoltura utilizzato per fini diversi da quelli agricoli. Questo è il risultato conseguito dai militari della Compagnia di Gallipoli nel corso di specifici controlli volti al contrasto di illeciti nel settore delle accise. L’altra sera, i finanzieri hanno fermato un camion che trasportava materiale per l’edilizia, effettuando, nella circostanza, un prelevamento del carburante contenuto nel serbatoio del mezzo. La sostanza rinvenuta nel serbatoio, pari a complessivi 110 litri, presentava una colorazione verdastra tipica del gasolio agevolato per uso agricolo che lo differenzia da quello per uso autotrazione (giallo paglierino) e da quello per uso riscaldamento domestico (rosso). Il controllo è stato quindi esteso presso la sede dell’impresa edile, che ha consentito di scoprire un vero e proprio distributore di gasolio agricolo abusivo. Infatti, i finanzieri hanno trovato un fabbricato allestito con una cisterna della capienza di 9 mila litri, munita di una pompa di adduzione ed un contatore volumetrico. L’esame della cisterna ha consentito di recuperare 3.000 litri di analogo prodotto a quello già rinvenuto nel serbatoio dell’automezzo sequestrato. Il servizio si è concluso con il deferimento all’Autorità Giudiziaria del responsabile e il sequestro della cisterna e dell’automezzo utilizzato ai fini della frode.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment