Botte tra prostitute

Solo l'intervento della Polizia ha calmato gli animi

Maxi rissa tra prostitute rumene di due gruppi rivali a Lecce. Motivo della lite, la spartizione del territorio. In tre hanno ricevuto il foglio di via; una minorenne è stata affidata ad una casa famiglia

All’origine della rissa tra prostitute che è scoppiata ieri in via Francesco Calasso a Lecce sarebbe stata la spartizione del territorio. A darsele di santa ragione, con calci, pugni e schiaffi, 13 lucciole di nazionalità rumena divise in due gruppi. Pare che verso le 3 di notte una di esse abbia invaso il campo di un’altra. Che non ha retto l’affronto. E da lì dalle parole si è passati subito ai fatti. Fortunatamente le grida delle donna hanno messo in allarme i cittadini che hanno chiamato la Polizia dando il via ad una retata improvvisata. I poliziotti hanno faticato non poco per separare le donne; al termine di questa prima operazione, le hanno condotte tutte in questura per l’identificazione. In tre hanno ricevuto il foglio di via; una minorenne è stata affidata ad una casa di accoglienza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!