Low cost a Brindisi. La My Air vola

Resoconto delle tratte attivate a giugno

Entro il 2009 altre rotte come Monaco, Berlino, Zurigo, Torino, Firenze, arricchiranno le offerte che la My Air si è impegnata ad offrire al Grande Salento. Quelle attivate a giugno, Parigi e Ginevra, hanno dato i risultati sperati

Le nuove linee aeree low cost, attivate nel mese di giugno, dalla compagnia My Air. Di questo si è discusso all’incontro che si è tenuto ieri a Brindisi, al quale ha preso parte Giovanna Capobianco, assessora provinciale alla Programmazione economica. All’incontro erano presenti anche Domenico Di Paola, responsabile della Seap, Giovanni Brigante, presidente della Camera di Commercio di Brindisi, i referenti dei Comuni di Lecce e Brindisi, ed i responsabili della società My Air. In base ai dati registrati a partire dall’1 al 30 giugno scorso, per le due rotte attivate di Parigi e Ginevra, si è registrato un positivo dato medio di riempimento pari a circa il 62%. “Tenuto conto che lo start up delle due linee – dichiara Capobianco – è avvenuto in ritardo a causa di una tardiva consegna degli aeromobili da parte dell’azienda produttrice, si tratta di un dato veramente lusinghiero che gratifica il lavoro di squadra che tutti insieme, enti ed aziende, abbiamo messo in campo. Si è lavorato positivamente – continua – in un clima costruttivo e questi dati ci indicano che la fiducia accordata ad una piccola compagnia aerea come My Air è stata pienamente meritata. Essi inoltre ci autorizzano a proseguire in questa direzione. Entro il 2009 altre nuove importanti rotte come Monaco, Berlino, Zurigo, Torino, Firenze, arricchiranno il ventaglio di offerte che la compagnia si è impegnata ad offrire all’utenza del Grande Salento. Se teniamo presente della congiuntura economica generale non favorevole – conclude – si tratta certamente di una splendida opportunità che ci siamo impegnati a costruire a favore delle aziende e del territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!