[DVD] Sweeney Todd

il diabolico barbiere di Fleet Street

Il nuovo film di Burton è più cupo e desolato del solito. Ma, come al solito, è bellissimo.

Sono passati molti anni da quando Johnny Depp aveva delle lame, altre lame, al posto delle mani. E questi anni hanno portato via i colori, le speranze e l'amore. Johnny ora ha molte più occhiaie e follia negli occhi. Non c'è sole nel mondo. Non c'è colore, a parte il rosso del sangue. Il grigio desaturato è la tonalità dominante di quest'ultima splendida opera di Burton. Il colore, al più, è nei ricordi o nei sogni, non nella realtà, anche perché in realtà «Sogni non ne ho mai avuti. Soltanto incubi.» Non c'è speranza in questo Sweney Todd, non c'è amore, solo morte. La cosa più romantica che possa capitare è di bagnare col sangue il corpo del proprio amore. Non ci sono più freaks candidi e buoni contrapposti a normali mostruosi, tutto si è fatto cupo, buio. Tutti, senza esclusione sono mostri e meritano di morire, «Perfino voi, perfino io». Tim Burton prende l'omonimo musical e lo trasforma in pura materia burtoniana, mettendo in scena una danza macabra, piena di sangue e di sofferenza. Un lavoro eccezionale, partendo dalle scenografie, perfette di Dante Ferretti, per arrivare a una messa in scena da film muto (come lo stesso Burton ha dichiarato e come la recitazione dei protagonisti dimostra) in cui le musiche sono solo un sovrappiù. Un film asciugato al massimo, con un lavoro di selezione in fase di montaggio che alla fine ha sacrificato perfino il coro di fantasmi con Christopher Lee. Perfetti gli attori. Johnny Depp è sempre più corpo burtoniano, Helena Bonam Carter è più brava che mai, Alan Rickman perfetto. Un film imperdibile.

[Sweeney Todd: il diabolico barbiere di Fleet Street (Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street, USA, Gran Bretagna 2007) di Tim Burton. Con Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Alan Rickman, Sacha Baron Cohen, Laura Michelle Kelly, Timothy Spall, Anthony Stewart Head. ]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!