“San Rocco ci unisce”

La lettera congiunta di don Rocco Zocco e Pasquale Gaetani

“Pur avendo differenti vedute, ci stimiamo e ci rispettiamo”. Con questa parole don Rocco Zocco, rettore del santuario di Torrepaduli, e Pasquale Gaetani, presidente della Fondazione Notte di San Rocco, ribadiscono la comune volontà di fare il meglio per la festa in onore di San Rocco a Torrepaduli

Con riferimento alle polemiche apparse in questi giorni su alcuni organi di stampa, i sottoscritti Don Rocco Zocco, rettore del santuario di Torrepaduli, e Pasquale Gaetani, presidente della Fondazione Notte di San Rocco – Pizzica, Tamburello, Scherma in Ronda, sono a confermare e ribadire pubblicamente la reciproca stima e la sincera volontà di collaborazione insieme al fine della riuscita delle manifestazioni di carattere religioso e civile che si svolgono nella comunità di Torrepaduli in occasione della festa di San Rocco. Appaiono pertanto pretestuose e strumentali tutte le dichiarazioni tese a seminare discordia e disarmonia tra le nostre persone e le nostre azioni, pur nel reciproco rispetto dei differenti orizzonti operativi a cui sono vocati da un lato il santuario e il comitato Feste patronali e, dall’altro, la Fondazione. È comune interesse, tuttavia, quello di trovare continue possibilità di dialogo e collaborazione, nella certezza che lo spirito che anima il nostro agire al servizio di Torrepaduli e del Salento, non potrà che elevare la quota sociale e culturale delle nostre genti e dei nostri territori. Don Rocco Zocco, rettore del santuario di San Rocco Pasquale Gaetani, presidente fondazione Notte di San Rocco

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!