Circonvallazione sì, ma tra una settimana

Slitta il via ai lavori

L'apertura del cantiere per la realizzazione della circonvallazione di Casarano potrebbe slittare a causa della sostituizone del direttore dei lavori. Claudio Casciaro, consigliere provinciale casaranese, assicura che è tutto sotto controllo

Potrebbe slittare di un’altra settimana l’apertura del cantiere della Circonvallazione di Casarano. La “Coalpa”, la società responsabile della progettazione e della direzione dei lavori dell’opera, nei prossimi giorni dovrà sostituire il direttore dei lavori. Si tratta di un atto necessario per dare il via all’opera che quindi farà slittare i tempi. “E’ una piccola questione, anche se importante, che farà spostare l’inizio dei lavori alla prossima settimana”, spiega il consigliere provinciale Claudio Casciaro che in questi ultimi giorni è stato costantemente in contatto con l’ente Provincia, proprietario dell’opera pubblica, per risolvere eventuali problemi. “La scorsa settimana – sostiene Casciaro – ho promosso due incontri con il presidente Giovanni Pellegrino e con Sergio Martina, il dirigente del settore lavori pubblici. Gli incontri sono serviti a sbloccare una situazione complessa e, grazie al presidente, si è riusciti ad ottenere il riavvio dell’iter amministrativo con la firma di consegna dei lavori”. Com’è noto l’iter era bloccato a causa del contenzioso instaurato da alcune ditte escluse dall’assegnazione dell’appalto con la Provincia. “Ho apprezzato – prosegue il consigliere provinciale – la disponibilità e la grande responsabilità politico-istituzionale del presidente Pellegrino che ha recepito l’importanza e l’inderogabilità dell’opera e quello che rappresenta per lo sviluppo della nostra città”. Casciaro, inoltre, ha parlato con il dirigente dei lavori pubblici delle piante di ulivo che saranno necessariamente espiantate per fare posto alla nuova tangenziale. “Martina mi ha detto che le piante rimarranno ai proprietari dei terreni – spiega il consigliere provinciale –; faccio quindi un appello ai proprietari affinché gli ulivi vengano ripiantati”. Il tracciato della tangenziale cingerà ad anello la città dalla provinciale per Taurisano fino alla Maglie-Collepasso, nei pressi della zona industriale. I primi due lotti appaltati sono quelli che collegheranno proprio la strada per Taurisano a quelle per Ugento-Melissano-Taviano, poco oltre i campi di spandimento della Vora. Il tracciato non tocca, per precisa volontà di amministratori e progettisti, la collina della Campana, zona verde ritenuta meritevole di salvaguardia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!