Uliveto. Anzi discarica

La scoperta a Matino

Un uliveto di 3mila metri quadrati adibito a discarica abusiva di materiale tossico è stato scoperto da carabinieri e polizia municipale a Matino. Al suo interno, due uomini erano intenti a demolire banconi frigo industriali

In seguito ad alcune segnalazioni giunte al 112, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano, con l'ausilio della Polizia Municipale di Matino, hanno rinvenuto una discarica abusiva di materiale tossico presso un uliveto incolto, vasto 3mila metri quadrati, in via Dei Mille, a Matino. All'ingresso dell'area i carabinieri hanno notato due ciclomotori in stato di abbandono, alcuni pneumatici e un banco frigo commerciale contenente gas nocivi. Ma non era tutto, perché all’interno dell’area, vi erano, ben occultati dietro le sterpaglie, un grosso cumulo di sedie, paraurti, televisori e poi banchi frigo commerciali, frigoriferi domestici, un grosso quantitativo di materiale ferroso e di alluminio, circa 60 neon ed un grosso cumulo di schiuma espansa. Addentrandosi nell’uliveto, i militari hanno scorto due matinesi, i cui volti erano già noti alle forze dell'ordine, intenti a demolire altri banconi frigo industriali. Il terreno e tutto il suo contenuto sono stati posti sotto sequestro. Attualmente sono in corso indagini tese ad identificare gli ignari proprietari del fondo che pare siano residenti all’estero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!