Palazzetto sportivo da B

Le precisazioni di Torsello

Si parte con la sostituzione del tappetino, per poi acquistare le gradinate metalliche, che saranno date in gestione all’associazione “Centro Sportivo”, che le installerà durante le partite di campionato. Il palazzetto dello sport di contrada Pietra Bianca a Casarano si adegua alle esigenze della squadra neopromossa in serie B

Il palazzetto dello sport di contrada “Pietra Bianca” a Casarano avrà presto un nuovo terreno di gioco. L’Assessorato allo Sport, con un comunicato stampa, sabato ha confermato che la prossima settimana partiranno i lavori per la sostituzione del tappetino, che col passare degli anni si era logorato. In seguito, l’amministrazione comunale acquisterà le gradinate metalliche, che saranno date in gestione all’associazione “Centro Sportivo”, che le installerà durante le partite di campionato. “Queste opere – precisa la nota – serviranno per il campionato di pallavolo della neopromossa squadra in serie B e per far allenare i giocatori della locale squadra di pallamano, costretti oggi a migrare a Lecce”. “In genere preferisco fare le cose piuttosto che annunciarle – spiega l’assessore Marcello Torsello – o peggio, tentare di prendermi i meriti di ciò che ha fatto qualcun altro”. Il riferimento esplicito a questa dichiarazione sulla presenza, definita “poco opportuna”, di Luigi Crudo, assessore ai Lavori Pubblici, alla firma della convenzione della gestione dello stadio comunale tra la Virtus Casarano e il Comune. “Ho seguito personalmente – sostiene Torsello – il lungo e complesso iter per giungere alla firma di una convenzione che mancava da diversi anni. Estremamente laboriosi sono stati i lavori in commissione Sport, come anche quelli successivi in Consiglio Comunale. Mi è sembrato quindi poco opportuno, ai limiti del risibile – afferma l’assessore – leggere sulla stampa che alla firma, oltre al sindaco, c'era un assessore che con lo sport non c'entra assolutamente niente. Mi piace, viceversa, evidenziare – conclude –come oggi lo sport a Casarano, in pochi mesi, sia stato rivoltato come un calzino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!