Ici 2008. Lecce non sanziona chi paga entro il 16 luglio

Un provvedimento in favore dei cittadini

L’immediata entrata in vigore del decreto legge con l’esenzione dell’Ici sulla prima casa rischiava di penalizzare i contribuenti. Chi provvederà al pagamento entro il 16 luglio 2008 non incorrerà in sanzioni o interessi

E’ stata approvata ieri dalla giunta comunale di Lecce una delibera che stabilisce che sul versamento Ici 2008 della rata di acconto e dell’eventuale unica rata effettuato entro il 16 luglio 2008 non saranno applicati né sanzioni né interessi per i soli soggetti proprietari di prima casa non rientranti nei benefici di cui al decreto legge n. 93/2008, che prevede l’esenzione totale dal pagamento dell’Ici per le abitazioni principali, con decorrenza dal primo versamento 2008 avente scadenza il 16 giugno 2008. Lo ha reso noto Michele Giordano, assessore al Personale, Sviluppo organizzativo, Qualità dei servizi e tributi. L’immediata entrata in vigore della disposizione, infatti, estremamente ravvicinata rispetto alla scadenza, ha creato notevole disorientamento nei contribuenti che hanno dovuto procedere al ricalcolo dell’imposta dovuta. Gli uffici comunali, inoltre, sono stati impossibilitati a predisporre in maniera adeguata i consueti strumenti informativi per la cittadinanza. Non solo: molti contribuenti avevano già ricevuto da parte di Equitalia Lecce s.p.a. bollettini di pagamento non adeguati alla nuova disposizione. A ridosso della scadenza molti contribuenti hanno incontrato difficoltà ad effettuare i versamenti a causa del notevole afflusso verificatosi presso gli sportelli postali e bancari. “E’ opportuno – ha evidenziato Giordano – non penalizzare i contribuenti che hanno avuto difficoltà a rispettare la scadenza del 16 giugno. Anche per chi ha già effettuato i versamenti è utile avere la possibilità di valutare più attentamente la propria posizione tributaria rispetto alle novità del decreto. Con questa decisione contiamo di attenuare i disagi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!