Nuovo Capozza. La firma c'è

Sottoscritta la convenzione di affidamento dello stadio

E' stata messa nero su bianco la convenzione di affidamento ventennale dello stadio “Capozza” alla società Virtus Casarano, facente capo al gruppo Italgest di Paride ed Ivan De Masi. Remigio Venuti, sindaco della città, si è detto certo che la struttura diverrà presto il fiore all'occhiello del territorio

E’ stata sottoscritta, nei giorni scorsi, a Palazzo di Città, la convenzione di affidamento dello stadio comunale “Capozza” alla Società Virtus Casarano, in attuazione della deliberazione del Consiglio comunale del 6 maggio scorso con cui l’amministrazione casaranese ha accolto la richiesta di concessione ventennale per la gestione della struttura sportiva avanzata dal sodalizio di piazza Nazario Sauro nel gennaio scorso. Alla presenza di Luigi Crudo, assessore ai Lavori pubblici, Remigio Venuti, sindaco della città, una volta formalizzati tutti gli adempimenti e le relative garanzie, con la firma in calce del documento da parte del presidente Biagio Maci ha ufficialmente consegnato lo stadio e la sua gestione alla società Virtus Casarano. “Con gli adempimenti effettuati oggi – ha dichiarato Venuti – diamo il via ad una forma di collaborazione nuova che ha raccolto l’interesse di altri Comuni anche del Nord Italia. Sono certo, conoscendo la grande intraprendenza e la lungimiranza di Paride ed Ivan De Masi che questo progetto diverrà, a breve, il fiore all’occhiello della città, oltre che vanto dell’intero territorio. Con la firma dell’atto di convenzione – ha proseguito – diamo il via ad una stagione nuova di collaborazione tra ente pubblico e privati che, considerato l’alto valore e lo spirito nuovo che la dirigenza della Virtus Casarano ha voluto dare al progetto di restyling dello stadio, gioverà non solo in termini sportivi all’intera Casarano”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!