Carte false per fare shopping

La truffa di tre leccesi

Documenti falsi per due anni di acquisti. I carabinieri hanno scoperto a Lecce una banda che utilizzava carte di credito e buste paga false per portare a segno i colpi. E' probabile che l'organizzazione finalizzata alla truffa si estenda al Nord Italia

Da due anni a questa parte avevano comprato di tutto, specialmente elettrodomestici. Alla cassa avevano presentato carte d’identità, buste paga ed altri documenti. Ma non avevano mai portato a termine il pagamento. E’ stata scoperta nei giorni scorsi a Lecce una banda di tre malviventi, tutti di età compresa tra i 40 ed i 50 anni, già noti alle forze dell’ordine per reati commessi contro il patrimonio. I tre generalmente agivano nei negozi più frequentati dove non avrebbero dato all’occhio; poi entravano in azione singolarmente, rivolgendosi ognuno ad un commesso diverso. Lasciavano i documenti, presentavano la busta paga, facevano il nome della ditta per la quale lavoravano che, casualmente, era sempre la stessa, ed andavano via, facendo perdere le proprie tracce. Ciò che ha destato i sospetti dei carabinieri è stato il fatto che i documenti falsi presentati di volta in volta corrispondessero a persone del Nord Italia ai quali era stato rubato il portafogli. Le indagini degli inquirenti cercheranno di stabilire se l’organizzazione finalizzata alla truffa sia più estesa di quanto apparso finora e se coinvolga anche gente del Nord.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!