Serie A

Festa fino all'alba in tutto il Salento

Con un pareggio per uno a uno con l'Albinoleffe, il Lecce ritorna in serie A. Cori e caroselli fino all'alba in tutta la provincia. E' questo il modo migliore per festeggiare i 100 anni della società

La promozione del Lecce è arrivata quando doveva arrivare, nell’anno del suo centenario. Ma forse un po’ in ritardo rispetto ai meriti della squadra giallorossa, ai play off. Ma in fondo ai leccesi va bene così, oggi che, a giochi fatti, il Lecce è in serie A, la serie dei campioni, dopo un pareggio (1-1) con l’Albinoleffe. La vittoria era nell’aria già da giorni, ma nessuno si lanciava in pronostici per scaramanzia. Certo, soprattutto in alcuni casi, la matematica non è un’opinione. E, ieri sera, uno a uno significava ritornare nella massima serie, a confrontarsi con i club che contano. Alle ore 22.37 è esplosa la festa; dopo i cinque minuti di recupero che l’arbitro ha assegnato alle due squadre. Il fischio finale è stato una vera liberazione per i 35mila tifosi che hanno colorato di giallo e di rosso il Via del Mare. E, dopo lo stadio, la festa si è spostata nelle piazze; in piazza S. Oronzo, in particolare, dove, dopo la mezzanotte, si sono uniti ai festeggiamenti gli stessi calciatori. E i caroselli di auto e motorini in festa sono andati avanti per tutta la notte. Se ne riparla dopo l’estate. Direttamente dai gradini alti della serie A.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!