[DVD] American gangster

Ridley Scott dirige Denzel Washington e Rusell Crowe in un film di quasi 3 ore. Bello ma senza guizzi.

New York, primi '70. Alla morte del boss di Harlem Bumpy Johnson, il suo autista e guardia del corpo, Frank Lucas prende il posto del suo predecessore diventando un boss della droga. L'incarico di sventare il traffico di stupefacenti viene assegnato al detective Richie Roberts, della sezione narcotici del New Jersey, poliziotto integerrimo e aspirante avvocato… America Gangster è un bel film. Solido, ben costruito e ben raccontato. Si prende tutto il tempo (dura 157 minuti) per descrivere le psicologie e le storie dei personaggi e per questo ha uno sviluppo equilibrato. Ma manca qualcosa… Questa storia del gangster e del poliziotto che gli da la caccia nelle mani di altri registi ha acquistato in violenza e rigore morale (Scorsese, ad esempio), o in sguardo e ritmo (Mann) o in follia e violenza (De Palma). Sicuramente film quali The Departed, Carlito's Way, o Heat risultano memorabili e impressi a fuoco nei nostri occhi e nei nostri ricordi. American gangster no. Ridley Scott si dimostra ancora una volta un eccezionale professionista, però ci lascia qui a domandarci dov'è finito il regista di Blade Runner, Alien e i Duellanti, unici sui tre grandi film. Perché anche qui, in American gangster, manca un qualcosa che renda questo film qualcosa di speciale. Ottimo Russell Crowe, bravo Denzel Washington, anche se ogni tanto è un po' troppo “Denzel”.

[American Gangster (Usa 2008) Un film di Ridley Scott. Con Russell Crowe, Denzel Washington, Chiwetel Ejiofor, Cuba Gooding Jr., Josh Brolin, Ted Levine, Armand Assante, John Ortiz, John Hawkes, Ruby Dee.]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!