Credito di imposta alle imprese. Costa: “Un buon provvedimento”

L'inizio dell'iter ieri a Palazzo Madama

Si è discusso di credito di imposta alle imprese, ieri, a Palazzo Madama. Giorgio Rosario Costa, senatore del PdL, lo ha definito un provvedimento molto utile ed ha rimproverato il passato Governo di disattenzione verso un importante strumento

Ha preso il via ieri in Commissione Finanze e Tesoro di Palazzo Madama l’iter del provvedimento sul credito d’imposta alle imprese. Relatore Rosario Giorgio Costa, senatore del PdL, il quale ha espresso “compiacimento per la decisione del Governo di rendere operativo uno strumento di incentivazione molto apprezzato dalle imprese del Sud e che ,seppure previsto nella Finanziaria per il 2007, sino ad ora era rimasto lettera morta per una serie di incertezze normative, ritardi inspiegabili nella procedura di autorizzazione europea ed ulteriori ritardi nella disciplina attuativa. L’incentivo – ha dichiarato Costa – per il credito di imposta alle imprese del Mezzogiorno deve essere trattato alla stregua degli incentivi per investimenti in ricerca e sviluppo; ciò per una esigenza di riequilibrio territoriale. Infatti se il credito d’imposta è orientato alle regioni del Sud, gli incentivi per gli investimenti nella ricerca sono indirizzati prevalentemente alle imprese che operano al Nord.” Il senatore del PdL ha inoltre auspicato che i fondi residui per altri interventi di incentivazione all’occupazione nelle regioni meridionali ad altissimo tasso di disoccupazione “siano rastrellati e diretti ad impinguare i fondi per il credito di imposta che si è rivelato – ha concluso – uno strumento di semplice funzionamento, di chiara trasparenza e di certa idoneità per reali iniziative capaci di garantire occupazione e facile assunzione di risorse.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!