Caro-gasolio. Venneri a Roma

L'intervento del sindaco di Gallipoli in sostegno dei pescatori

Presenziando ieri a Roma alla riunione tra le marinerie e Luca Zaia, ministro alle Politiche forestali con delega alla Pesca, Giuseppe Venneri, primo cittadino di Gallipoli, ha ribadito la sua vicinanza ai pescatori in crisi

Si è svolto ieri mattina a Roma l’atteso tavolo di concertazione tra le marinerie e Luca Zaia, ministro delle Politiche forestali con delega alla Pesca, per risolvere la questione del caro-gasolio. Un incontro che ha visto il responsabile del dicastero di via XX Settembre incontrare una delegazione assai risicata di pescatori (appena 17) e soltanto cinque sindaci di tutto il territorio nazionale. Tra questi anche Giuseppe Venneri, primo cittadino di Gallipoli, intervenuto per testimoniare con la sua presenza la solidarietà e la vicinanza dell’Amministrazione comunale ionica ai problemi del comparto ittico. Le marinerie puntavano ad un duplice obiettivo: da un lato un consistente e tangibile abbattimento del costo del carburante (attualmente superiore agli 82 centesimi al litro), dall’altro il mantenimento del prezzo del gasolio nel tempo. In attesa di capire se gli scenari venturi per le flotte pescherecce del Paese assumeranno contorni rosei o grigi, sulla questione è intervenuto Venneri. “La mia presenza nella riunione aperta dal ministro Zaia – ha commentato il primo cittadino della città ionica – è stata dettata dalla ferma volontà mia e dell’Amministrazione comunale che rappresento di significare in modo concreto tutto il sostegno e la solidarietà nei confronti di un comparto messo a dura prova nelle ultime settimane. Una vicinanza che abbiamo ritenuto indispensabile garantire, stante l’importanza che i pescatori assumono per Gallipoli a livello economico e sociale”. L’esecutivo di Palazzo Balsamo ha provveduto a pagare la trasferta dei quattro autobus di pescatori gallipolini che si sono recati a Roma, proprio per testimoniare la vicinanza del governo locale allo stato di crisi acuitosi nell’ultimo mese. “Da parte nostra – ha proseguito il sindaco – continueremo a manifestare la nostra attenzione verso il comparto ittico, continuando su quel versante che già ci ha visto solidarizzare con la categoria presso le sedi istituzionali e favorirne la presenza a Roma, ritenendo giusto che la nostra marineria potesse esprimere nell’incontro con Zaia le ragioni e i motivi di un grave stato di disagio e sofferenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!