In giro con l'auto di servizio. Denunciato

Pedinato un dipendente dell'Aqp

Avrebbe usato l'auto di servizio per sbrigare commissioni personali. E' stato denunciato a piede libero un dipendente neretino dell'Acquedotto Pugliese di Lecce

Usava l’automobile di servizio fuori dall’orario di lavoro e per questioni personali. Dopo un pedinamento durato mesi, partito da una denuncia scattata nell’ottobre dello scorso anno, un 57enne neretino dipendente dell’Acquedotto pugliese di Lecce, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. Dagli accertamenti dei carabinieri è infatti emerso che l’uomo si servisse abitualmente della vettura di servizio per sbrigare commissioni personali, tra le quali anche far visita alla madre, in orario extra-lavorativo e nei periodi di ferie. L’operazione è partita in seguito a delle segnalazioni anonime nelle quali erano indicati con estrema precisione gli orari di ufficio dell’uomo e i giorni in cui questi avrebbe utilizzato in maniera illecita l’auto; per questa ragione è probabile che autori degli esposti anonimi siano stati gli stessi colleghi del dipendente Aqp. Il caso, ad ogni modo, non è chiuso; perché ora le indagini si allargano anche agli altri dipendenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!