[DVD] John Rambo

Questo John Rambo è violento e brutale. Come la guerra. E carico di dolore come la vecchiaia. Stallone saluta il suo personaggio con un action movie spurio e analogico.

Stallone sembra essere diventato il cantore della vecchiaia. Dopo Rocky decide di dare un ultimo capitolo più degno anche a Rambo. E ancora più che in Rocky (e senza le sue cadute nel ridicolo) il film è carico di dolenza e rassegnazione. La trama è di una semplicità incredibile: Rambo fa il barcaiolo, fabbro, cacciatore di serpenti in un pacifico villaggio della Thailandia. Qui viene contattato da un gruppo di missionari scemi (tra cui segnaliamo la bella e brava Julie Bentz) in modo che possa portarli fino in Birmania con la sua barca. Rambo, oramai vecchio e disilluso inizialmente rifiuta. Poi però si fa convincere e accetta di lasciarli in un villaggio della Birmania. Se ne ritorna indietro. I missionari scemi però vengono catturati, quindi Rambo va a salvarli e ammazza uno sproposito di persone. La prima parte, è la peggiore, brutti dialoghi, retorica trita, figure bidimensionali. Per fortuna ben presto le menate terminano e comincia il viaggio nella giungla e la guerrilla. Quello che colpisce è la negazione del percorso dell'eroe che Stallone (non) fa percorrere a Rambo. Il primo atto del percorso è lì, perfettamente fedele all'archetipo. L'eroe per qualche motivo viene coinvolto ed entra in azione. Quello che manca è il secondo atto, la complicazione, l'evento imprevedibile (il tradimento, il nemico cattivo, la grave ferita) che fa sì che l'eroe sia costretto a fare un ulteriore salto di qualità fino a fargli compiere atti al limite del superoistico. Ecco qui manca. Rambo entra in azione e con discreta facilità fa quello che deve fare. In realtà non è più tempo di eroi. La guerra non è spettacolare e divertente, è un orrore e così Stallone ce la rappresenta, orribile, crudele, brutale e violenta e piena di sangue, con dolore e senza alcun compiacimento. Perché alla fine che si abbia vinto o perso si resta comunque soli. E l'unica cosa che resta è tornare a casa… soli lungo il sentiero. Imperfetto certo. Ma non male.

[John Rambo (Rambo USA 2008) Un film di Sylvester Stallone. Con Sylvester Stallone, Julie Benz, Paul Schulze, Matthew Marsden, Graham McTavish, Ken Howard, Rey Gallegos, Tim Kang, Jake La Botz.]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!