Arresti, denunce e segnalazioni in discoteca

Possesso di droga e rissa. Il bollettino del week end

Si infittiscono i controlli antidroga dei carabinieri nei dintorni delle discoteche della provincia. Lo scorso sabato, nei pressi di una nota discoteca di Santa Cesarea Terme, un giovane è stato denunciato ed undici sono stati segnalati per possesso di stupefacenti. Tre arresti, invece, per rissa davanti al locale

L’estate avanza e le discoteche aprono i battenti. Nel week end ha inaugurato la stagione estiva anche una nota discoteca di Santa Cesarea Terme, dove negli ultimi tre anni sono stati portati a termine ben 80 arresti per possesso di tutti i tipi di droga. Si tratta di una discoteca particolarmente tenuta d’occhio dalle forze dell’ordine, che attira giovani dall’intera Regione. E così nello scorso week end i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Maglie hanno potenziato i controlli. Il risultato sono stati tre arresti, ma stavolta la droga non c’entra. In manette sono finiti tre giovani: due di Veglie, di 24 e 22 anni, il primo studente ed il secondo artigiano, ed un altro di Lecce. Colpevoli di aver causato una rissa e anche di resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Il primo sabato di controlli non ha dunque registrato arresti per droga; ci sono state, comunque, una denuncia ed undici segnalazioni. Il ragazzo denunciato è un 24enne di Bari; i segnalati sono di Brindisi, Casarano, Otranto, Porto Cesareo, Nardò, Noha, Tiggiano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!