Sport e sociale. La Galatea a Moratti

Il Premio Barocco al presidente dell'Inter

Un inviato d'eccezione ha consegnato di persona il Premio Barocco a Massimo Moratti, presidente dell'Inter. Si tratta di Paride De Masi, amministratore delegato del Gruppo Italgest, che ha consegnato la Galatea al numero uno dei nerazzurri per meriti sportivi e sociali

Il Premio Barocco 2008 ha premiato anche lo sport. E che sport. Durante la manifestazione andata in diretta tv ieri sera su Rai Uno, in uno speciale collegamento da Milano un altrettanto speciale inviato, ovvero Paride De Masi, amministratore delegato del Gruppo Italgest, ha consegnato di persona la “Galatea”, simbolo della kermesse salentina, a Massimo Moratti, presidente dell’Inter. Il premio è stato un riconoscimento, come ha spiegato De Masi, per i successi sportivi di Moratti, non ultimo lo scudetto conquistato poche settimane fa, ma non solo; anche per gli ottimi risultati di Inter Campus Estero, il progetto di responsabilità sociale d'impresa che, dal 1997, crea opportunità di inserimento sociale a ragazzi fra gli otto e i 14 anni, che si trovino in aree disagiate nel mondo. Moratti ha poi donato la maglia dell’Inter a De Masi, il quale, in cambio, ha lasciato al presidente neroazzurro la divisa della sua squadra di pallamano, la Italgest Salento d’Amare, vincitrice di due scudetti (l’ultimo il 17 maggio scorso), due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana. In chiusura di collegamento, com’era ovvio, il discorso è caduto sulle gare di play off che il Lecce sta disputando. I due presidenti si sono detti uno scaramantico “arrivederci” in serie A.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!