Premio Barocco: Bonolis sale in cattedra

Lo show man ha accettato l'invito del rettore

Una lezione di Paolo Bonolis all'Università del Salento e la consegna del premio a Giorgio Panariello apriranno il Premio Barocco. Che sarà condotto da Fabrizio Frizzi e trasmesso domani in diretta su Raiuno

E' ormai quasi tutto pronto per il Premio Barocco, manifestazione che gode dell’altro patronato del Presidente della Repubblica, ed andrà in onda, in diretta, domani sera a partire dalle ore 21.00 su Rai Uno. Organizzato in collaborazione con il Comune di Lecce, l’Università del Salento, il Premio gode della collaborazione informativa della Repubblica Salentina. I preparativi proseguono a ritmi serrati. Per l’occasione Domenico Laforgia, rettore dell’Università del Salento, ha invitato Paolo Bonolis in Ateneo per una lezione sulla comunicazione. Lo show man salirà in cattedra giovedì 5 giugno, alle 17, nell’Aula SP4 Istituto Ex Sperimentale Tabacchi e vestirà i panni di docente per una lectio magistralis sul messaggio subliminale della televisione. Un’interessante lezione tra sociologia della comunicazione e cultura popolare. All’incontro con il mondo accademico e gli studenti seguirà il ritiro del Premio Barocco alla carriera il giorno 6, sul palcoscenico del Carlo Pranzo in diretta tv. Intanto la macchina organizzativa della Essecci Communication guidata da Ilio Tarantini e Carmelo Sergi procede speditamente verso la grande serata di venerdì. La scenografia è curata da Riccardo Bocchini ed è ispirata al barocco leccese; la regia televisiva è di Riccardo Di Blasi. Martedì sera è giunto a Lecce il conduttore della diretta, Fabrizio Frizzi, che ieri sera ha iniziato le prove per la serata. Nella mattinata di oggi arriveranno Bonolis, i Pooh, Peppino di Capri e Anna Tatangelo. Ornella Muti, Giorgio Panariello, Anna Falchi e Fabrizio del Noce, direttore di Rai Uno, saranno a Lecce il giorno stesso della manifestazione. Silenzio stampa sugli altri eventi. In fondo, manca poco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!