Nardò: ancora cinque vele

Riconoscimento al parco regionale di Portoselvaggio e Palude del Capitano

Unica località pugliese ed essersi aggiudicata le cinque vele, Nardò si è distinta per l’istituzione del parco regionale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano, una delle più importanti opere di tutela e fruizione tra i parchi della provincia

Per il secondo anno consecutivo Nardò si conferma regina di Puglia, ovvero unica località in regione insignita delle cinque vele Legambiente. Ma c’è di più: la città ha guadagnato il quinto posto assoluto a livello nazionale secondo i dati elaborati dall’istituto di ricerche nazionale Ambiente Italia su un totale di 286 Comuni selezionati e messi a confronto. Questi i risultati dell’ottava edizione della guida blu, frutto del sodalizio consolidato fra Legambiente e Touring Club Italiano. “E’ con vivo orgoglio – ha dichiarato l’assessore all’ambiente, Mino Natalizio, all’atto di ricevere le ambite cinque vele – che, per il secondo anno consecutivo, Nardò rappresenta il Salento e la Puglia tutta. Questo ci stimola ad impegnarci ancora di più per tutelare e valorizzare le risorse ambientali, paesaggistiche e storico culturali nella consapevolezza che queste possano costituire la vera forza dello sviluppo socio-economico del nostro territorio all’insegna della sostenibilità.” Per il sindaco Antonio Vaglio “adesso occorre sviluppare la necessaria sinergia tra Amministrazione comunale ed operatori turistici affinché questo riconoscimento possa essere valorizzato nella giusta misura per incrementare il turismo di qualità nel nostro territorio”. Nardò, unica località pugliese ed essersi aggiudicata le cinque vele, si è distinta per l’istituzione del parco regionale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano, che rappresenta una delle più importanti opere di tutela e fruizione tra i parchi della provincia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!