Anche la Puglia va in bici

Bari. L’assessore Minervini ha annunciato la partecipazione della la regione Puglia alla II Giornata nazionale della bicicletta. Il programma sarà presentato oggi

BARI – La Regione Puglia aderisce alla seconda Giornata nazionale della bicicletta, promossa dal Ministero dell’Ambiente. L’8 maggio, infatti, in collaborazione con l’Anci e la Federazione Ciclistica Italiana si ripeterà per il secondo anno consecutivo l’occasione di festa e di partecipazione popolare. Un modo, tra le altre cose, per sottolineare come una mobilità alternativa ed ecocompatibile può essere effettivamente realizzabile. L’iniziativa è aperta a tutti i cittadini, i Comuni, le associazioni e i gruppi che vorranno aderire ed organizzare attività legate all’uso della bicicletta come mezzo alternativo di trasporto “La sostenibilità di queste azioni – ha spiegato l’assessore alla Mobilità Guglielmo Minervini – passa dalla più ampia diffusione possibile delle buone pratiche di mobilità e i Comuni non possono essere lasciati soli davanti a questa sfide che non possono fermarsi alle celebrazioni di una singola giornata”. Tante sono le attività che il programma regionale “CreAttivaMente”, per la diffusione di una mobilità sicura e sostenibile, sta mettendo in campo con il coinvolgimento delle scuole, delle università, delle società di trasporto pubblico e delle associazioni di cicloattivi in Puglia. I dettagli della Giornata e il programma delle iniziative saranno presentati da Minervini nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella Ciclofficina in piazza allestita a Bari in via Sparano (altezza San Ferdinando). Articolo correlato: 'Cicloattivi Università'. Studenti in bici (10 aprile 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment