Quattro ecocentri contro gli ecodisastri

Nasceranno nel cuore della città per incentivare la raccolta differenziata

Gli ecocentri previsti a Gallipoli accoglieranno anche rifiuti ingombranti e beni durevoli. La delibera per la loro realizzazione in centro è firmata dal commissario prefettizio. I cittadini: “Il sindaco la ani”

Gallipoli si affida agli ecocentri per “spingere” la raccolta differenziata. Si tratta di aree recintate e attrezzate in cui i cittadini potranno conferire tutti i materiali recuperabili e i rifiuti per i quali è vietato lo smaltimento in una normale discarica. Un servizio indispensabile che si integra con la raccolta “porta a porta” o per mezzo dei contenitori multicolore. Agli inizi del mese scorso, il commissario prefettizio Angelo Trovato ha individuato i quattro siti, la metà urbani, per la realizzazione degli ecocentri progettati dai tecnici del Consorzio Ato Le2. Il costo delle opere non graverà sulle casse comunali. Con fondi Por regionali, infatti, sarà realizzata la piattaforma per la raccolta dei rifiuti che dovrebbe sorgere nell’area compresa tra via Pavia, Imperia e Spoleto, e con fondi della Provincia quella prevista nella zona Peep. Un altro ecocentro dovrebbe essere finanziato dall’Ato, forse in area ex-Codaj. (Continua in edicola sul Tacco d'Italia di maggio)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!