Picchia e deruba l'ex. Arrestato

Domani l'interrogatorio

Una separazione scaduta in violenza. Dalle minacce di morte nei confronti della ex moglie, Cosimo Intrepido, ieri, è passato ai fatti. Calci e pugni all'addome e alle gambe di lei. La donna è finita in ospedale; lui in carcere

Non voleva rassegnarsi alla fine del loro matrimonio. E manifestava il suo punto di vista in maniera tutt’altro che pacifica. Anzi, talmente violenta che ieri si è temuto il peggio per la ex moglie di Cosimo Intrepido, 47 anni, di Trepuzzi, finita in ospedale con lividi sparsi su tutto il corpo, contusioni, ed anche con la protesi che portava alla gamba, rotta. Circa dieci giorni fa, la donna aveva già denunciato l’ex per minacce di morte. Ma, dalle minacce, l’uomo ieri è passato ai fatti. Dopo averla strattonata, l’ha spinta giù dalle scale e, successivamente, ha preso a picchiarla con calci, pugni all’addome e alle gambe; le avrebbe stretto pure il collo tentando di soffocarla. Inoltre, le avrebbe strappato un medaglione che aveva indosso, nascondendolo in tasca. E’ stato proprio questo ultimo atto a far scattare l’arresto, per rapina, di Intrepido. Condotto presso il carcere di Borgo San Nicola, sarà interrogato domani.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!