Gallipoli risceglie Venneri

Il ritorno dell'ex

Il risultato non lascia spazio ad equivoci: Giuseppe Venneri torna a sedere sulla poltrona di primo cittadino di Gallipoli. Il candidato del PdL ha conquistato il 54,1 per cento delle preferenze. Il suo avversario, Gino Schirosi (Pd), si è fermato al 45,9 per cento

E’ apparso visibilmente emozionato Giuseppe Venneri, appena avuta notizia certa della sua vittoria. E dalla sede elettorale di corso Roma, dove ha salutato e ringraziato gli elettori, ha subito dettato le sue priorità di sindaco. “Ci metteremo al lavoro – ha detto – perché l’estate è vicina e non vogliamo farci cogliere impreparati”. A chi gli ha chiesto di fare alcuni dei nomi dei componenti la giunta, il neo-eletto (anzi, rieletto; era stato sindaco della città prima di Vincenzo Barba) primo cittadino della città bella, ha riposto che è ancora troppo presto, ma ha assicurato che saranno tutti scelti tra i partiti che maggiormente l’hanno aiutato in sede di campagna elettorale. Un posto fisso nel cuore di Venneri, poi, spetta a Vincenzo Barba. Suo amico e grande sostenitore; “lavorerò a stretto contatto con lui – ha annunciato il sindaco – e assieme collaboreremo per la crescita e lo sviluppo della città”. E’ apparso amareggiato e teso, invece, Gino Schirosi, candidato per il Pd; apparentato, in occasione del ballottaggio, con l’Udc di Giovanni De Marini. Pare sia stato proprio questo avvicinamento a determinare il risultato; la sinistra estrema non avrebbe gradito, secondo le analisi del voto effettuate dallo stesso candidato. I numeri hanno parlato chiaro: 5.989 voti per Giuseppe Venneri (il 54,1%); 5.082 per Schirosi (il 45,9%). Con un’affluenza alle urne nettamente ridotta rispetto al primo turno: ha votato appena il 58,2% degli aventi diritto rispetto al 72,9% di metà aprile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!