Un Pal per la sostenibilità ambientale

Oggi la presentazione del progetto

Il Pal, Piano di azione locale, fissa l’obiettivo di stringere un’alleanza tra progettualità territoriali e sostenibilità ambientale, tramite la risoluzione di questioni chiave come agricoltura, qualità dell’aria e dell’acqua, biodiversità, energia, inquinamento

Il Piano di azione locale per lo sviluppo sostenibile del Basso Salento, l’ultimo dei grandi progetti promossi dalla società consortile “Area Sistema di Casarano e Comuni associati”, sarà presentato questo pomeriggio (ore 17) presso la sala conferenze del “Cisi Puglia”, nella zona industriale Casarano. Il Pal fissa l’obiettivo di stringere un’alleanza tra progettualità territoriali e sostenibilità ambientale, affrontando problemi e risoluzione di questioni chiave: agricoltura, qualità dell’aria, qualità dell’acqua, biodiversità, energia, inquinamento acustico, inquinamento elettromagnetico, innovazione della pubblica amministrazione, mobilità e trasporti, rifiuti, struttura urbana, servizi al cittadino e attività produttive, con una rete di proposte tese ad affrontare i punti di criticità trasformandoli in altrettante occasioni per lo sviluppo sostenibile. Un esempio? E’ sufficiente sfogliare le sezioni “Energia”, e poi “Rifiuti”, questioni tra le più scottanti in questo momento non solo per il Salento, per comprendere la funzione concreta del Piano di azione locale e il suo ruolo a sostegno delle azioni delle pubbliche amministrazioni territoriali. La rete di azioni che il piano propone è capillare, per la cui attuazione il Pal individua anche le fonti di finanziamento, orientata concretamente alla riduzione dei consumi non solo dei singoli comuni ma di un sistema territoriale. Perché sia adottato e le azioni indicate tradotte in capitoli di bilancio e attuate, però, il piano ha bisogno di un necessario passaggio amministrativo tra i 13 comuni di Area Sistema. I relatori della giornata saranno: Remigio Venuti, presidente della società consortile “Area Sistema Casarano&Comuni Associati”; l’assessore Claudio Pedone, componente del Coordinamento nazionale Agende 21 locali; Luisella Guerrieri, coordinatore esecutivo “Oltre BaSa21”; Luca Carbone (Università del Salento) referente progetto “Oltre BaSa21”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!