Vincitori concorso fotografico Arditi Galati

Un podio per i ragazzi

Dall'Istituto Costa di Lecce hanno partecipato in otto al concorso fotografico “Lecce: immagini di terra e mare fra vecchi mestieri e nuove imprese” promosso dalla Banca Arditi Galati, ma solo uno si è guadagnato il podio

Si chiama Luca Viva il vincitore del concorso Arditi Galati. Frequenta la IVB programmatori, ha fotografato uno scorcio di bottega artigiana leccese della cartapesta e la sua foto ha ricevuto 72 preferenze che gli hanno valso il terzo premio del valore di 200 euro spendibili in attrezzature fotografiche. Il concorso si è proposto, attraverso le immagini, una prima analisi della realtà economica leccese coinvolgendo la cittadinanza sulla percezione e la rappresentazione di una realtà che si evolve ma che allo stesso tempo è ricca di tradizioni e di riferimenti alla storia culturale e sociale del Salento. Si poteva partecipare sino al 12 aprile mentre le votazioni erano aperte al pubblico e si sono chiuse il 18 aprile. Questa sera sul sito della Banca Arditi Galati www.bag.it sono stati pubblicati i risultati delle votazioni, questo il verdetto: – al primo posto Rosa Gentile con la foto “Rigattiere”, 500 euro; – al secondo posto Filomena Mandorino con la foto dal titolo “Salentiamoci”, 300 euro; – al terzo posto l'alunno del Costa Luca Viva con la foto “Opere d'Arte”, 200 euro. Nei prossimi giorni sul sito sarà pubblicatala classifica completa di tutte le foto che hanno ottenuto voti e saranno comunicate le modalità di consegna dei premi ai vincitori, così come delle iniziative espositive e non, che avranno per protagoniste le immagini ricevute. Questi gli altri alunni che hanno partecipando al concorso: Roberta Bray, Francesco Buono, Chiara Mancarella, Antonio Politi, Serena Quarta, Sara Schiavone, Giorgia Starace.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!