Tar: “Poggiardo aperto”

La sentenza dal Tribunale amministrativo regionale

La prima Sezione del Tar ha respinto la richiesta di immediata chiusura dell’impianto di selezione e biostabilizzazione di Poggiardo avanzata dal Comune. Giovanni Pellegrino: “Giustizia è fatta”

di Giovanni Pellegrino* Con un’ordinanza della prima Sezione, il Tar ha respinto la richiesta cautelare formulata dal Comune di Poggiardo tendente ad ottenere un’immediata chiusura dell’impianto di selezione e biostabilizzazione dei rifiuti prodotti nell’Ato Le/2; e cioè di un momento essenziale della soluzione transitoria data da Nichi Vendola, su proposta del Settore Ambiente di questa Provincia), al problema dello smaltimento dei rifiuti in un terzo del territorio provinciale. Nello stesso ricadono grandi centri come Galatina e Nardò ed importanti località turistiche come Otranto, Santa Cesarea, Castro e le marine neretine. L’articolata motivazione dell’ordinanza del Tar fa giustizia delle tante critiche che erano state rivolte a Vendola ed a me nell’ambito di un confuso dibattito; e che per ciò che mi riguarda avevano interessato anche il piano della correttezza personale. Il problema definitivo dello smaltimento degli Rsu nell’intero territorio provinciale può quindi dirsi ragionevolmente avviato a soluzione anche per l’intervenuta approvazione ambientale della variante dell’impianto di biostabilizzazione in Poggiardo e della discarica di solo servizio in Corigliano d’Otranto, variante ancora una volta suggerita da questa Provincia. Nel ringraziare l’assessore Gianni Scognamillo, i dirigenti ed i funzionari del Settore Ambiente per l’impegno sino ad ora profuso nell’affrontare questa delicatissima emergenza ambientale e l’Avvocatura provinciale per l’intelligente difesa delle nostre ragioni, segnalo che gli unici momenti di criticità sono in atto connessi alla lentezza con cui la ditta affidataria sta procedendo, su affidamento regionale, alla realizzazione dell’impiantistica a regime, soprattutto in Ugento e in Cavallino”. *presidente della Provincia di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!