Itc Costa. 400 euro per l’Airc

Gli studenti aiutano la ricerca sul cancro

E’ stato consegnato sabato scorso all’Airc l'assegno di 400 euro, ovvero il ricavato della vendita dei calendari della Repubblica Salentina

Il dirigente dell'Istituto Costa di Lecce, Nicola Greco, insieme ai ragazzi della IVB, ha consegnato sabato mattina nelle mani di Valentina Rotino, la docente responsabile della scuola per i rapporti con la sezione leccese dell'AIRC – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, un assegno di 400 euro corrispondente all'importo che i ragazzi sono riusciti a raccogliere creando e vendendo il calendario 2008 della Repubblica Salentina (www.repubblicasalentina.it/calendario). Il “ponte” tra l'Istituto Costa e l'AIRC di Lecce è stato curato da Rotino, vivace collaboratrice dell'associazione locale al fianco di Gabriella Alemanno, delegata provinciale e consigliereaAIRC per la Puglia. E' dal 2004 che ogni anno il Costa realizza calendari per la conoscenza e promozione del territorio e della cultura salentina e ogni anno devolve parte del ricavato ad associazioni ed enti no-profit. Quest'anno è stata scelta l'associazione l'AIRC, che da sempre si impegna nel cercare e raccogliere fondi per aiutare i nostri ricercatori nella scoperta di mezzi e strumenti per combattere la malattia del secolo, il cancro. Il calendario di quest'anno riporta sulle dodici facciate altrettante fotografie che ricordano paesi e città lontane; le foto sono supportate dal nome della località e della nazione a cui “sembrerebbe” appartengano. Ma c'è la sorpresa! In fondo al calendario, in ultima pagina, il titolo “Non è poi così lontano” e poi: “Sono tutte località che abbiamo a pochi passi!”. Le fotografie, infatti, sono state scattate dai ragazzi stessi in dodici località diverse della penisola salentina, alcune sono riconoscibili immediatamente mentre altre sono più misteriose e difficili da individuare. Si possono trovare foto che fanno pensare a Marrakech nel Marocco, a Teheran in Persia, ad Edimburgo in Scozia, ad Antiparos in Grecia, ad Amsterdam in Olanda, a Barcellona in Spagna, a Prematura in Croazia, a Koh Samui in Tailandia, a Philadelphia negli Stati Uniti, a Rosario in Messico, a Maracaibo in Venezuela e ad Ardglass in Irlanda. Invece esse si riferiscono realmente a Otranto, Taviano, Santa Caterina, Lecce, Torre Dell’Orso, Gallipoli, Torre Suda, Cavallino e San Cataldo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!